mercoledì 27 gennaio 2010

Voglio vivere su Pandora

Ebbene sì, sono stato contagiato dalla febbre cinematografica del momento, e d'altra parte c'era da aspettarselo, da un appassionato di storie magiche e fantascientifiche, da Star Wars al Signore degli Anelli, da Matrix a Harry Potter. Le aspettative erano molto alte, anche per quanto riguarda l'esperienza 3d, ma non sono state per nulla deluse.
I trailer che precedono il film aiutano lo spettatore vergine, come il sottoscritto, a familiarizzare con questa tecnologia. L'impatto è sconvolgente: i fucili puntati sono a pochi centimetri dal tuo naso, le scritte in sovraimpressione sembrano fluttuare sulla testa degli spettatori davanti a te, e così via. Il 3d è davvero 3d, la pubblicità non è ingannevole.
Finalmente inizia il film, senza preamboli e titoli. Fin dall'inizio è chiara l'intenzione del regista di far dimenticare al pubblico di essere al cinema. Per quanto mi riguarda, obiettivo centrato al 100%.
Che dire? Il primo tempo è una meraviglia. Il protagonista, nei panni del suo Avatar, esplora il pianeta Pandora, inizia a conoscerlo e ad amarlo, e noi con lui. In questo film forse si svela finalmente la reale potenzialità degli effetti digitali e del 3d. Paesaggio, flora, fauna, i Na'vi: tutto è incredibilmente vero, vivo e pulsante. Ci si dimentica in fretta di essere di fronte ad un mondo totalmente virtuale. In tutto questo il 3d è fondamentale, permette di cogliere ogni aspetto di questo mondo, dalla profondità vertiginosa di uno strapiombo al dettaglio più piccolo di un fiore luminescente. Si ha davvero la sensazione di essere dentro Pandora, e solo questa vale il prezzo del biglietto.
Certo, la storia non è delle più intricate, e durante il secondo tempo si ha uno sviluppo della trama molto lineare, con tanto di battaglia finale, che comunque non è tirata eccessivamente per le lunghe. Ma credo che la semplicità della storia non sia un difetto, tutt'altro. Il messaggio ecologista e anti-colonialista che lancia non è banale, ed è proprio la meraviglia di Pandora a non renderlo banale. Soltanto la stupidità umana, che sta consumando la Terra, potrebbe concepire la sottomissione di un luogo come Pandora. Basta un briciolo davvero minimo di sensibilità e di amore per la bellezza, per amarlo e difenderlo.
Molti hanno detto che questo film rivoluzionerà la storia del cinema. Forse non sarà così, ma di certo Avatar è un momento da cui il cinema futuro non potrà prescindere. Di certo Pandora merita un posto in prima fila tra i mondi più belli che l'immaginazione umana abbia creato, a braccetto con la Terra di Mezzo.

7 commenti:

  1. Concordo! Parola per parola.......magari si potesse vivere su Pandora....

    RispondiElimina
  2. Bello veramente uno dei capolavori del genere fantascienza.

    RispondiElimina
  3. Cavolo, sto riguardando il trailer, e mi è venuta una voglia pazzesca di rivederlo... Non mi era mai successo prima...

    RispondiElimina
  4. Visto il film, la trama secondo me è abbastanza banale, direi nulla di nuovo, sicuramente immagini stupende e un mondo altrettanto spettacolare. Un film con un messaggio davvero importante però, l'anticolonialismo, il rispetto per l'ambiente, l'avversione contro le guerre di aggressione, infatti i "duri" repubblicani in america hanno criticato aspramente la pellicola.
    Comunque vivere a Pandora ok... anche perché non ho visto un aliena brutta
    saluti

    RispondiElimina
  5. Concordo anche io... penso di non aver mai visto un film più bello, capace di darmi nel corso della proiezione tutte le emozioni che mi ha dato Avatar, L'ho visto 2 volte in 3d e tutte e due le volte, finito il film avevo voglia di rientrare per rivederlo!

    RispondiElimina
  6. Questo film, è stato stupendo, ma non solo per le nuove tecnologie che vengono usate, ma soprattutto per i messaggi che esprime.. E' forte il contatto con la natura, i Na'Vi' è la natura sono legati tra loro..E anche noi dovremmo esserlo con la nostra natura, con il bene che abbiamo proprio sotto i nostri piedi e che man mano sta andando via..Dobbiamo fare qualcosa!

    RispondiElimina

Rispettate le regole del buonsenso e della civiltà, e una firma non guasta mai. Nascondersi dietro ad un "anonimo" è solo un modo per non prendersi la responsabilità di ciò che si dice.