martedì 2 novembre 2010

This is the end (?)



Qualcuno di voi ricorda Final Fantasy VII, uno dei videogiochi più belli e famosi per la prima, mitica PlayStation? Io ho perso ore della mia vita infantile incollato alla magica storia di Cloud e company, impegnati in un'epica battaglia contro il cattivissimo Sephiroth, e ricordo che il giocatore in fin di vita acquisiva la capacità di sferrare un ultimo, disperato attacco prima di tirare le cuoia. Si chiamava Limit Break, e se ti andava bene era talmente potente da annientare l'avversario, proprio nel momento in cui le sorti sembravano segnate.
Forse oggi Berlusconi ha lanciato la sua ultima Limit Break, e l'ha fatto senza rendersi conto che gli si ritorcerà contro. C'è stato un tempo in cui la sua parola aveva il potere di cancellare tonnellate di parole e di scandali, tra le risate del mondo intero e la tristezza degli italiani non assoggettati ai suoi poteri magici. Oggi non è più così: il mondo si è stancato di ridere, come ci si stanca di un comico che ripete all'infinito lo stesso, ammuffito monologo, e in Italia anche le lingue più viscide di saliva iniziano ad inaridirsi, faticano a trovare giustificazioni alle follie del Sire. Forse siamo alla fine.
Come insegna il Re Lucertola, però, la fine non è mai uno spegnersi silenzioso ed educato. La fine è un processo sfibrante, dilatato, doloroso, e l'epop(p)ea berlusconiana non farà eccezione. Sul cadavere di questa destra si avventeranno le furbissime iene padane, attentissime a non pronunciare una parola, per non compromettersi. Saranno loro a condurre definitivamente l'Italia in un nuovo, fulgido Medioevo, ottuso e autarchico, se l'opposizione (Fini compreso) non sarà in grado di stare a galla dopo il naufragio. Sarà dura, durissima, risanare la devastazione che il berlusconismo ha provocato a tutti i livelli, ma ci si deve impegnare con tutte le forze.
Ma forse sto parlando troppo in fretta.

9 commenti:

  1. La cosa che più mi fa paura è che non credo che il berlusconismo finirà con Berlusconi...

    RispondiElimina
  2. splendida (e davvero originale) metafora con final fantasy!

    RispondiElimina
  3. Personalmente penso invece che il Berlusconismo finirà con Berlusconi, almeno certi aspetti. E' troppo creato a immagine e somiglianza del suo imperatore, per non perdere i connotati originali quando lui non ci sarà più.

    Ciò non significa però che quello che verrà dopo sarà per forza migliore. Ed è questo che mi preoccupa. La tua idea di un periodo oscuro corrisponde a quello che vedo io. Ma come andranno le cose dipenderà molto anche dalle personalità che sapranno entrare in gioco e dalle circostanze nazionali e internazionali. Difficile fare previsioni.

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo. La transizione sarà dolorosissima. Come tutte le transizioni senza strappi, e come tutte quelle con strappi.

    RispondiElimina
  5. Anche io sono convinto che il Berlusconismo finira' con Berlusconi. Ci fosse qualcuno in grado di perpetrarlo, si sarebbe gia' visto.

    RispondiElimina
  6. Il berlusconismo finirà con Berlusconi, ma purtroppo il suo "insegnamento" rimarrà ancora a lungo, e sarà molto difficile sradicarlo...
    @Marco: quel gioco è un capolavoro. Non so cosa darei per poterlo rigiocare... Grazie comunque!

    RispondiElimina
  7. Sì, temo che tu stia parlando troppo in fretta: il mondo si è stancato di ridere, ma la Lobotom-Italy si sganascia (e canta Giovinezza) sempre più... Dopo la battuta omofoba, gli asini che votano disposti a seguirlo avranno subito una storica impennata, attestandosi attorno al 70%...
    L'unica speranza è che il mondo là fuori sia così tanto stanco da spedire una bella missione aerea ad Arcore, ma non credo... :-(

    RispondiElimina
  8. temo abbia ragione Web runner, il berlusconismo è un 'modello culturale', sicuramente si attenuerà con la fine del poveraccio ma i sui effetti saranno lunghi a finire e poi attenzione ai colpi di coda, sono i più pericolosi.

    RispondiElimina

Rispettate le regole del buonsenso e della civiltà, e una firma non guasta mai. Nascondersi dietro ad un "anonimo" è solo un modo per non prendersi la responsabilità di ciò che si dice.