martedì 31 agosto 2010

Togliamo la polvere

La meraviglia delle crete senesi ammirate dalla Torre Grossa di San Gimignano. L'incanto di Pitigliano e Capalbio. Le spettacolari fontane di Villa d'Este a Tivoli. La porchetta di Ariccia, le fragoline di Nemi e l'amatriciana di Frascati, innaffiata dal magnifico bianco dei Castelli. L'infinita maestosità della Reggia di Caserta. L'emozione di timonare una barca a vela attorno a Procida. Dopo quasi un mese e più di duemila chilometri percorsi è arrivato il momento di soffiare via la polvere che si è piacevolmente sedimentata sulla superficie cerebrale. Sarebbe stata opportuna un po' di delicatezza, ma mi è bastato scorgere nelle prime pagine dei giornali il socio nordafricano del premier per innalzare un vento forte e puzzolente. D'altra parte non mi aspettavo niente di diverso, la politica italiana è una melma informe che di certo non migliora durante le ferie.
Ma adesso si riparte, con fatica ma con determinazione. Riapro i libri e alleno le dita sulla tastiera. A quanto pare le cose di cui parlare non mancheranno.

7 commenti:

  1. Bentornato! Concordo, cose sui cui scrivere ce ne sono tantissime.

    RispondiElimina
  2. Caro Ale ritorni qua agitandoci il miraggio di cose belle e buone, però un po'di bianco dei Castelli da condividere con gli amici blogger no?!
    Va beh, ti aspettavamo! buon rientro!
    Sara

    RispondiElimina
  3. Bentornato dal viaggio! Vedrai che l'ispirazione non mancherà di sicuro
    un saluto

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti!
    Avrei condiviso volentieri il vino e tutto il resto, ma purtroppo non hanno ancora inventato il computer 4D... (quello che oltre alla tridimensionalità trasmette anche gusti ed odori)

    RispondiElimina
  5. Un bentornato anche da parte mia!

    RispondiElimina

Rispettate le regole del buonsenso e della civiltà, e una firma non guasta mai. Nascondersi dietro ad un "anonimo" è solo un modo per non prendersi la responsabilità di ciò che si dice.